Morte Imane Fadil, la consulenza di SITOX (Articoli)

Imane Fadil, la super testimone nel caso Ruby Ter, è morta nel marzo 2019 in circostanze misteriose. Inizialmente si è ipotizzato che fosse stata avvelenata, e in effetti nel suo sangue sono stati trovati metalli pesanti come cadmio, cromo, molibdeno e antimonio.

Le loro concentrazioni, tuttavia, sono troppo basse per causare tossicità. Chiunque di noi, infatti, assorbe abitualmente metalli pesanti dall’ambiente, ma mai in dosi letali.

Corrado Lodovico Galli, presidente della Società Italiana di Tossicologia (SITOX), lo ha spiegato ai quotidiani e alle Tv italiane, contattato in questi giorni attraverso l’ufficio stampa di DNA Media Lab.

Puoi sfogliare la rassegna stampa nello slider, oppure vedere i servizi tv.

Portfolio

Sfoglia altri progetti

A funghi (e mangiarli) in sicurezza: i consigli dei tossicologi a BluRadio

Servizi radio e tv

Ogm o Bio? Le opportunità della scienza, oltre le fake news

Campagne stampa

Nitrosammine nei farmaci: quali rischi. Il parere di SIF al Corriere della Sera

Campagne stampa

Canne, il cervello in fumo: Focus intervista SITOX

Campagne stampa