fbpx

Testimonianze dei clienti.

Professionalità e competenza non solo nella comunicazione, ma anche nelle conoscenze scientifiche su cui viene costruita.
Una volta presidente della Società Italiana di Faramacologia (SIF) ho istituito per la prima volta, nel 2016, un ufficio stampa che potesse amplificare l’immagine pubblica della Società. Ho trovato in Marco Pivato e l’Agenzia DNA Media Lab un supporto professionale, cresciuto nel tempo e oggi indispensabile, che ha portato SIF su mass media come non lo era mai stata prima.
Professionalità e competenza. Conosco le loro campagne stampa e ho partecipato ad alcuni eventi divulgativi: tematiche sempre attuali, trattate con linguaggio rigoroso ma comprensibile al grande pubblico.

Sono un medico e professore di Farmacologia Clinica presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università degli Studi di Milano e membro della Società Italiana di Farmacologia (SIF).

Da tempo il mio principale interesse di ricerca è rappresentato dalla Povertà Farmaceutica (cioè dalla difficoltà di accesso alle terapie) che affligge i soggetti più vulnerabili dal punto di vista economico, sociale e culturale. Questa fascia di popolazione comprende i nostri concittadini poveri e gli stranieri, soprattutto quelli non in regola con le attuali leggi sull’immigrazione.

Si tratta di una tematica importante, poiché è noto che le interazioni con l’ambiente (anche sociale) condizionano l’esito delle terapie: in una società sempre più complessa e rapidamente mutevole sarebbe riduttivo e scientificamente inappropriato limitarsi a considerare il binomio paziente-farmaco come se fosse avulso dalla realtà, senza considerare tutti i fattori interferenti, anche quelli non-farmacologici.

Di questi aspetti abbiamo parlato nel corso di una Tavola Rotonda organizzata nell’ambito del recente Congresso nazionale della SIF svoltosi a Firenze.

Nella preparazione dell’evento e nella sua diffusione sui media ho trovato nel Dott. Marco Pivato di DNA Media Lab un interlocutore attento, sensibile e scientificamente preparato. Ciò mi è stato di grande aiuto e mi auguro che la collaborazione con DNA Media Lab possa continuare nel tempo".

Sono presidente della Federazione Italiana Scienze della Vita (FISV) dal gennaio 2017. Prima del mio mandato la FISV non aveva un ufficio di comunicazione e ho ritenuto necessario istituirne uno fin dall'inizio per dare maggiore visibilità alle attività della Federazione e interagire con i media.

Questo obiettivo è stato centrato a partire del 2018 quando l'incarico di gestire la comunicazione FISV è stato affidato a Marco Pivato che ha svolto questo compito con grande professionalità e con incisività. In questi tre anni e mezzo la FISV è cresciuta nella sua visibilità tramite l'azione di Marco Pivato con numerosi comunicati stampa, a pubblicizzazione dei convegni e dei FISV days, il completo rifacimento del sito web della FISV all'interno del quale è organizzato il Giornale della FISV con contributi provenienti da scienziati redattori provenienti dalle sedici società scientifiche federate. Marco Pivato è stato il motore dietro questa evoluzione.
Mi è capitato di conoscere Marco Pivato in occasioni diverse, e ne ho sempre apprezzato la professionalità come giornalista sanitario. Molto preciso e sul pezzo, sempre in formazione, aggiornato. Con un’importante prospettiva di comunità, che in sanità è fondamentale.

Da quando, nel 2017, il Dott. Marco Pivato, con la sua Agenzia DNA MediaLab, sono diventati l’ufficio stampa della Società Italiana di Tossicologia (SITOX), la società ha ottenuto una visibilità sempre maggiore sulle principali testate cartacee (tra le quali La Repubblica, Il Corriere della Sera, La Stampa, Sole 24 Ore, Focus e Io Donna) e televisive (come SkyTg24 e RAI 2), oltre che su riviste del settore sanitario (Quotidiano Sanità, AboutPharma, Farmacista 33, Doctor 33).

Grazie alle competenze in continuo aggiornamento del Dott. Pivato e della Dott.ssa Balducci, anche il Blog della società ha visto un’importante crescita di visualizzazioni non solo del blog stesso ma anche dell’intero sito web della SITOX. Allo stesso modo è stata riscontrata una crescita di follower anche su tutti i social della SITOX.

La SITOX ha trovato nell’agenzia DNA MediaLab un collaboratore preparato e competente, sia sul piano scientifico che comunicativo, oltre che affidabile e disponibile.

Ho incaricato Marco Pivato, amministratore di DNA Media Lab, di curare la comunicazione e l’Ufficio Stampa della Società Italiana di Tossicologia (SITOX), società scientifica da me presieduta dal 2015 al 2018.

Il dott. Pivato ha condotto campagne stampa che hanno radicalmente migliorato la visibilità della Società, prima di allora poco presente sui mezzi d’informazione.

Anche durante il 18° Congresso Nazionale SITOX il suo supporto è stato fondamentale per portare all’attenzione dei mass media temi come le nuove sostanze psicoattive, il doping e la contraffazione farmaceutica.

Confermo le competenze scientifiche e comunicative del dott. Pivato. A tutt’oggi la Società riceve numerose richieste di interviste da parte delle principali testate nazionali, cartacee, online e televisive. 
Conosco bene Marco Pivato, la sua Agenzia DNA Media Lab, e tutto quello che fanno per divulgare i messaggi della Società scientifiche per cui lavorano. Si tratta un grande lavoro, utilissimo a noi giornalisti che cerchiamo di raccontare le novità in medicina.
Marco Pivato, mente brillante e cuore appassionato al servizio della scienza e della comunità, per una comunicazione efficace e diretta anche ai non addetti ai lavori.
Eleonora Mainardi
Lettrice della pagina Facebook di DNA Media Lab
Di Marco Pivato e della sua Agenzia è soprattutto notevole la capacità comunicativa di problematiche scientifiche anche molto complesse. Ho avuto modo di interagire con loro per manifestazioni della Società Italiana di Tossicologia (SITOX) e ho sempre avuto ottimi risultati.
Caro Marco, mi trovo in Senato e sta parlando Mastella. Io sono sui tuoi scritti per studiarli e darti consigli. Non badare troppo alle mi incursioni e tieni sempre a mente l'idea che porto, e cioè che tu sei un vero giornalista.